Contrattazione decentrata e blocco aumenti

L’adozione dei fondi per la contrattazione decentrata integrativa nei singoli enti locali

è praticamente impossibile perché mancano le istruzioni sull’applicazione del tetto non

superiore al 2010 e sulla riduzione in caso di diminuzione del numero dei dipendenti in

servizio. Tale ritardo mette in dubbio la stessa possibilità di stipulare i contratti

decentrati integrativi per l’anno 2011. L’annunciata circolare della Ragioneria generale

dello stato tarda infatti a essere emanata e anzi sembra difficile che ciò possa

avvenire in tempi brevi: se infatti sarà confermata l’indiscrezione per cui sul suo

testo la Corte dei conti ha formulato osservazioni, ci vorrà parecchio tempo per avere

una base di riferimento. Alle singole amministrazioni, per evitare di trovarsi in una

condizione di impasse, che potrebbe determinare effetti pesanti sulla quantificazione

delle risorse destinate alla contrattazione, appare utile avanzare la proposta di

definire un contratto ponte con le organizzazioni sindacali, così da destinare le

risorse necessarie per il pagamento delle indennità vincolate dal contratto nazionale,

di dettare i principi per la ripartizione dei compensi collegati alla contrattazione

decentrata e di adottare gli obiettivi necessari per l’assegnazione della produttività.

La circolare 40/2010 della Ragioneria generale dello stato ha chiarito che la

retribuzione individuale di anzianità, e implicitamente gli assegni ad personam, in

godimento da parte dei dipendenti cessati dal servizio non possono andare a integrare

la parte stabile del fondo per le risorse decentrate. Non è chiaro se nel fondo possono

confluire le economie derivanti dalla mancata utilizzazione integrale del fondo del

2010 che eccedono l’analoga cifra derivante dai risparmi 2009 confluita nel fondo

2010. In senso negativo si è espressa la sezione regionale di controllo della Corte del

Veneto con il parere n. 285/2011. Lo stesso parere ha esteso tale interpretazione

anche ai risparmi derivanti dalla mancata integrale utilizzazione del fondo per il lavoro

straordinario. Il parere vieta anche l’inserimento in aumento rispetto all’anno 2010

delle risorse derivanti dalla incentivazione della realizzazione di opere pubbliche, dai

maggiori incassi Ici e dalle vittorie in sede processuale. La sezione regionale di

controllo della Corte dei conti del Piemonte, parere n. 5/2011, applica tale principio

anche alla incentivazione dei vigili urbani tramite una quota dei proventi derivanti dalle

sanzioni per l’inosservanza del codice della strada, con ciò rendendo di fatto

inutilizzabile nel triennio 2011/2013 tale istituto. Non è in alcun modo chiaro se la

riduzione del fondo per le diminuzioni di personale debba essere effettuata sulla base

del saldo 2010 tra assunzioni e cessazioni ovvero se tale operazione debba essere

effettuata con il saldo 2011. Se si opta per la seconda soluzione si pone il problema di

come tenere conto del periodo del 2011 in cui tali unità di dipendenti continuano ad

essere in servizio. Per qualunque delle due soluzioni si opti si deve chiarire se le

assunzioni che, in modo parziale negli enti soggetti al patto di stabilità ed in modo

integrale negli enti non soggetti, possono essere effettuate nell’anno successivo,

vadano a incidere sulla diminuzione del fondo. Si può considerare acquisito che il taglio

non deve essere fatto avendo come base il trattamento economico accessorio in

godimento da parte dei cessati, ma in modo proporzionale, cioè togliendo dal fondo

risorse pari alla incidenza percentuale delle cessazioni sul numero dei dipendenti in

servizio a tempo indeterminato. È opportuno rilevare, a latere, che la circolare della

funzione pubblica 22 febbraio 2011, avallata dalla ragioneria generale dello stato,

sembra consentire alle amministrazioni di conteggiare nei risparmi derivanti dalle

cessazioni anche la quota di diminuzione del fondo che matura. In queste condizioni

costituire il fondo deve essere definito come un azzardo, ma si deve anche tenere

conto del fatto che difficilmente nel 2012 potranno essere riportate le eventuali

economie del fondo 2011, per cui è bene che tali risorse siano utilizzate. La soluzione

migliore è quella di stipulare un contratto decentrato integrativo «ponte» per il 2011,

che in attesa della costituzione del fondo consenta la ripartizione di una buona parte

delle sue risorse, diciamo prudenzialmente nell’ordine dello 80/90%. Esse andrebbero

destinate al finanziamento delle indennità disciplinate interamente dai Ccnl (turno,

reperibili, compensi per giornate festive) e di quelle disciplinate dal Ccdi

(produttività, specifiche responsabilità etc). Per la produttività ci si potrebbe

riservare la integrazione al momento della definizione del fondo le amministrazioni

dovrebbero definire gli obiettivi ed i criteri di valutazione, così da renderne possibile

la erogazione.

Giuseppe Rambaudi – Italia Oggi
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...