Riordino permessi e congedi

Piccola stretta su congedi e permessi dal lavoro. Il prolungamento del congedo

parentale fino a tre anni, previsto a favore dei genitori di bambino con disabilità,

comprende anche il congedo ordinario (fino a 10 mesi). Pertanto, complessivamente, il

periodo di congedo non può durare oltre tre anni, includendo sia il congedo parentale

ordinario (fino a 10 mesi) che il periodo di prolungamento. È questa una delle novità del

decreto legislativo di riordino della disciplina in materia di congedi, aspettative e

permessi dei lavoratori del settore pubblico e privato, approvato in via definitiva dal

consiglio dei ministri il 9 giugno, in attuazione dell’articolo 23 della legge n. 183/2010

(collegato lavoro).

Integrando direttamente la normativa del T.u. maternità (le modifiche sono apportate

all’articolo 20), il decreto di riordino prevede che, nel caso di interruzione spontanea

o terapeutica della gravidanza successiva al 180° giorno dall’inizio della gestazione,

nonché in caso di decesso del bambino alla nascita o durante il congedo di maternità,

le lavoratrici hanno facoltà di riprendere in qualunque momento l’attività lavorativa,

dando un preavviso di dieci giorni al datore di lavoro, a condizione che il medico

specialista del Servizio sanitario nazionale o con esso convenzionato e il medico

competente ai fini della prevenzione e tutela della salute nei luoghi di lavoro attestino

(entrambi) che tale opzione di rientro anticipato al lavoro non arrechi pregiudizio alla

loro stessa salute.

Il decreto di riordino definisce il prolungamento del congedo parentale per i genitori

di bimbi con disabilità: per ogni minore con handicap in situazioni di gravità, uno dei

due genitori ha il diritto al prolungamento del congedo parentale entro l’ottavo anno

di vita del bambino; i genitori di bambini disabili possono fruire alternativamente del

congedo, in modo continuativo o frazionato per un periodo massimo di complessivi tre

anni; viene previsto un prolungamento del congedo anche nel caso in cui uno dei due

genitori debba assistere il minore ricoverato a tempo pieno in istituti specializzati. In

altre parole, per effetto delle modifiche, viene disposto che il periodo di congedo

parentale ordinario, nel caso di bambini con disabilità, deve essere compreso in quella

durata di «tre anni complessiva» relativa al prolungamento del congedo.


Daniele Cirioli – Italia Oggi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.